Austra



“Olympia” (2013 – Paper Bag Records, Domino Records)

Dopo due anni da Feel it Break, album acclamato da pubblico e critica e garante del loro successo, gli Austra tornano nel panorama dell’elettronica oltreoceano con un prodotto sonoro che supera ogni aspettativa: Olympia.
L’uscita dell’album viene anticipata da Home: una ballad synthpop a pianoforte, in cui la voce della leader Katie Stelmanis si articola in un testo dall’atmosfera notturna (“You know that it hurts me when you don’t come home at night, My body can’t rest unless you’re sitting by my side”), un assaggio perfetto per il pubblico.

Le sonorità che attraversano l’intero album si percepiscono fin dalle prime tracce What we done? e Forgive Me: testi cupi new wave accompagnano basi decisamente creative, ma con beat uniformi nelle dodici tracce. Le capacità vocali di Katie emergono in brani più lenti e intensi come Reconcile, Sleep e Fire, mentre attraversano ritmi più sostenuti in Painful Like e We Become, mantenendo comunque un’atmosfera distesa e rilassata. L’esperienza d’ascolto è continua, ci si accorge appena del passaggio da un brano all’altro, senza tuttavia scadere nella monotonia. Una maturità e una complessità maggiori connotano questo lavoro, e uno sguardo più ampio al panorama dell’elettronica mondiale pone il trio californiano qualche gradino più in alto rispetto al precedente Feel it Break (nominato al Polaris Music Prize nel 2011).

Olympia verrà presentato al pubblico in un tour mondiale in cui la Stelmanis, Maya Postepski e Dorian Wolf saranno affiancati da Sari and Romy Lightman (Tasseomancy) e Ryan Wosniak (Ze and the Boyfriends). La nuova touring line up visiterà l’Italia a Milano e Padova, due show assolutamente da non perdere per iniziare l’estate.

Giulia A. Romanelli