ARF! Festival di storie, segni e disegni

manifesto di sara pichelli

di Sabrina Ramacci

Se questo weekend siete a Roma non fatevi distrarre dalla bellezza dei ruderi e nemmeno da un primo tuffo in mare, non dovete cedere neanche a quei deliziosi ristorantini che costeggiano la costa. No! Questo fine settimana dovere restate in città e andare a visitare ARF! Il festival di storie, segni e disegni. Prosegue infatti fino al 28 maggio, negli spazi de La Pelandra – MACRO Testaccio, la terza edizione di ARF!, il Festival ideato e organizzato da Daniele “Gud” Bonomo, Paolo “Ottokin” Campana, Stefano “S3Keno” Piccoli, Mauro Uzzeo e Fabrizio Verrocchi. Dopo le prime due edizioni, che abbiamo apprezzato non poco, ARF! 2017 cresce e si arricchisce ulteriormente nei contenuti e negli spazi grazie alla presenza di importanti editori italiani e di tanti e validi autori contemporanei e ancora attraverso mostre, incontri e confronti con i professionisti del settore, masterclass e anteprime esclusive.

 

MOSTRA MACROMANARA DEF   manara_tuffo

Un intenso weekend di attività, per tre giorni dalle 10 alle 20, che prevede cinque grandi mostre esclusive a partire da «MACROMANARA – Tutto ricominciò con un’estate romana» (dal 26 maggio al 9 luglio) la grande esposizione dedicata al Maestro dell’eros Milo Manara e in particolare al suo rapporto con Roma e il cinema, da Caravaggio e i Borgia alla Cinecittà di Federico Fellini e le sue grandi dive, oltre a quelle di Sara Pichelli, la superstar tutta italiana che disegna per la Marvel Comics e che ha firmato il manifesto ufficiale di questa edizione del Festival; Gigi Cavenago disegnatore di Dylan Dog e tutti gli incubi di casa Sergio Bonelli Editore; Topolino e la Disney secondo il “French touch” della Glénat attraverso una mostra collettiva dei quattro artisti d’oltralpe Cosey, Keramidas, Loisel e Tébo, in esclusiva italiana dopo le sue esposizioni a Parigi e al Festival Internazionale di Angoulême; e ancora la bravissima Bianca Bagnarelli, già fondatrice di Delebile Edizioni e autrice per l’inglese Nobrow, vincitrice del Premio Bartoli alla seconda edizione di ARF!.

Tra le sezioni del Festival che apprezziamo di più, l’area dedicata alle opportunità professionali: è la Job ARF! uno spazio dove poter mostrare agli editor il proprio portfolio con idee, progetti e creatività. E per la formazione di aspiranti fumettisti e illustratori in carriera non mancheranno le MASTERCLARF! vere e proprie classi (a numero chiuso) con le super star del fumetto italiano, per tutti coloro che vogliono imparare a scrivere, disegnare e colorare fumetti. Da venerdì a domenica saliranno in cattedra, tra gli altri Tito Faraci (Disney), Zerocalcare & Rita Petruccioli, Giuseppe Palumbo (Astorina/Diabolik), Diego Cajelli (Sergio Bonelli) oltre agli stessi autori in mostra Gigi Cavenago e Sara Pichelli. Altri appuntamenti di assoluto rilievo sono le tre lectio magistralis tenute dai tre maestri del fumetto d’autore Milo Manara, Tanino Liberatore e Paolo Eleuteri Serpieri. Occhio di riguardo anche per Self ARF! (ingresso gratuito) sezione dedicata esclusivamente al mondo delle autoproduzioni e dell’editoria indipendente.

Zerocalcare

Per i più piccoli torna invece ARF! KIDS, il luogo dedicato all’immaginario dei bambini (a ingresso gratuito fino ai 12 anni) con un ricco programma di laboratori creativi curati da alcuni dei più rinomati illustratori italiani, letture ad alta voce, disegni, giochi e tanti libri a disposizione di tutti.

Novità di questa edizione è invece la ARFist Alley che ospiterà i migliori autori italiani che pubblicano all’estero, esportando l’eccellenza del fumetto “made in Italy” in Stati Uniti e Francia, tra i quali Theo, LRNZ, Carmine di Giandomenico tutti presenti per disegni, dediche, stampe esclusive e commission. Questi invece i grandi ospiti internazionali del festival: dalla Svizzera, COSEY che presenta i due volumi «Mickey – Una misteriosa melodia (o “Come Topolino incontra Minni”)» per Glenat/Giunti e «Jonathan» uscito per Gazzetta RCS/Nona Arte; dalla Francia, JIM con «Una notte a Roma» edito da Edizioni BD; dalla Spagna, Angel de la Calle con «Ritratti di guerra» per 001 Edizioni.

libro_Inchiostrato_non_mescolato

Sin dalla prima edizione ARF! è sinonimo di solidarietà: dopo Emergency e Cesvi, quest’anno una nuova iniziativa benefica grazie alla vendita del libro di illustrazioni Inchiostrato non mescolato, i cui ricavati saranno interamente devoluti alla Dynamo Camp, Onlus italiana che offre terapia ricreativa gratuita ai bambini affetti da patologie gravi e croniche.

 

ARF! «Festival di storie, segni e disegni» #ARF3

26-27-28 maggio 2017 – MACRO Testaccio La Pelanda

Piazza Orazio Giustiniani n° 4, Roma.

Orario: 10.00-20.00

Biglietti: giornaliero € 10,00 – abbonamento 3 giorni € 20,00

Info: 060608

www.arfestival.itinfo@arfestival.it

Facebook: www.facebook.com/arfestival

Twitter: @arfestival

Instagram: @arfestival

www.museomacro.org

Funzilla Fest, we make photozine

 

di Sabrina Ramacci

ph1

Fanzine = Amore assoluto. Questa è la premessa. Adesso veniamo ai fatti. Se sarete a Roma, il 16 e il 17 aprile, non potete perdere il Funzilla Fest, il primo festival italiano interamente dedicato alle fanzine fotografiche italiane ed estere, in programma alla Galleria Microprisma (sabato dalle 16.00 alle 24.00 e domenica dalle 11.00 alle 22.00).

ph2

Funzilla Fest è nato dall’incontro di alcune realtà romane legate al mondo della fotografia:
 Fugazine e Monkeyphoto, attive nella produzione di Zine fotografiche, e Microprisma, uno spazio dedicato alla fotografia completamente autonomo e sperimentale. Funzilla Fest si concentra sulla particolarità della Zine fotografica e dedica due giorni a dibattiti, incontri e presentazioni editoriali negli spazi di Microprisma. In Italia non ci sono grandi eventi dedicati alle fanzine ed è per questa ragione che la due giorni (e non solo) merita tutta la nostra attenzione.

Due i workshop in programma:
 “Fatti i libri tuoi” un corso intensivo di legatoria giapponese fotografica a cura di Sofia Bucci (domenica 17 aprile) e “Openspine” un workshop di produzione di una Zine fotografica a cura di Michela Palermo (martedì 12 e sabato 16 aprile).

“Fatti i libri” tuoi è un percorso da fare assieme armati di carta, colla, forbici, ago e filo. Dalle più antiche tecniche di legatoria alle tecniche più innovative e creative, i partecipanti impareranno a fare quaderni, libri, album, raccoglitori e chi più ne ha più ne metta. Una giornata per avvicinarsi alle legature dell’Estremo oriente in cui si sperimenteranno diversi modelli cinesi e giapponesi, studiando le tipologie di base di cucitura e alcune variazioni; inoltre si affronteranno i modelli di base della legatura a fisarmonica tradizionale. Trattandosi di tecniche molto versatili, che si prestano anche per cucire tra loro semplici fogli sciolti, si riveleranno utili anche per quel materiale cartaceo con cui abitualmente non è possibile comporre fascicoli da cucire con le tradizionali tecniche occidentali. Per partecipare non sono richieste competenze particolari. 
“Openspine” è invece un workshop che prevede la realizzazione di una Zine collettiva. I partecipanti si impegnano nella produzione di immagini su assegnati discussi, e contribuiscono alla fase di editing, stampa e allestimento della pubblicazione.

ph4

Così Paolo Cardinali, ideatore del festival insieme ad Alessandro Ciccarelli e Danilo Palmisano, spiega la ragione di questo evento: «Funzilla Fest nasce da una constatazione. La fotografia è un pesce fuor d’acqua all’interno degli appuntamenti dedicati all’editoria indipendente. Così in collaborazione con Microprisma abbiamo deciso di fare un festival per noi pesci fuor d’acqua. Un appuntamento indirizzato a produzioni che si muovono entro alcuni confini: autoproduzioni, attitudine ‘artigianale’, tiratura limitata, prezzo ridotto, distribuzione diretta».

Il Funzilla Fest nei mesi scorsi ha lanciato un bando di partecipazione rivolto a tutti i “fanzinari” interessati a esporre gratuitamente i propri prodotti editoriali indipendenti e incentrati sulla fotografia.

 

ph3

Ciò che vedremo esposto è dunque il frutto di una selezione attenta e che, siamo certi, ispirerà nuovi artisti a elaborare progetti per la prossima edizione del festival, ammettiamolo, non abbiamo visto ancora come sarà questo debutto ma già desideriamo un bis, magari aperto anche a fanzine non rigorosamente fotografiche, magari un crossover. Questo perché siamo ferventi sostenitori dell’autoproduzione, perché siamo tutti felicemente fanatic di magazine cartacei. Bando dunque alle gite fuori porta, ora sapete come passare il prossimo weekend romano, per andare al mare c’è sempre tempo…

Funzilla Fest
info@funzillafest.com
facebook.com/funzillafest
funzillafest.com

Microprisma 
Via Conte di Carmagnola, 72-74, 00176 Roma
info@microprisma.com

ph5

 

 

Paper Archive è una rubrica periodica in cui la passione per la scrittura, quella calda con carta e penna, ha la meglio sul freddo premere i tasti di una tastiera. Si scriverà di parole ritrovate su lettere, diari, biglietti e cartoline, tra i banchi dei mercatini dell’usato, dentro i libri, per strada o nelle soffitte. E di tutto ciò che è in qualche modo connesso con la carta e la grafia. Per approfondire potete consultare anche la pagina FB del progetto RAMI

 

 

YOUTHLESS #34

IN QUESTO NUMERO:

interviste a

-VERDENA

-ERIC ERLANDSON (The Hole)

-IOSONOUNCANE

e tanto altro.

La copertina è di STEFANO FIZ BOTTURA


YOUTHLESS #33

IN QUESTO NUMERO:

interviste a

-ASTEVE ALBINI

-GIULIA SAGRAMOLA

e tanto altro.

La copertina è di GIULIA SAGRAMOLA


YOUTHLESS #32

IN QUESTO NUMERO:

interviste a

-A CLASSIC EDUCATION

-EMASHA QRELLA

-PAOLA BALESTRAZZI

e tanto altro.

La copertina è di CRISTIAN GROSSI (KREATIVE HOUSE)


Tutte le uscite precedenti di Youthless Fanzine esistono solo nella versione cartacea. Siamo spiacenti!