Lars is back!

lars-von-trier

Lo attendevano in molti e finalmente è arrivato l’annuncio del nuovo progetto di Lars Von Trier, direttamente dal suo profilo Facebook (ennesima contraddizione di un provocatore abbastanza banale). Già, perchè dopo presunte o reali disintossicazioni da chissù quali sostanze, senza le quali dubitava di riuscire ancora a fare cinema, il buon Lars, dopo il successo di Nymhpomaniac, si è fatto attendere.

Le prime informazioni ci dicono che il progetto si intitolerà “The House That Jack Built”, inizialmente concepito come una serie tv in 8 puntate, ora sembra certo che si tratterà di un film per il cinema. Il tema centrale sarà la storia di un serial killer, ma osservata dal punto di vista dell’assassino stesso.

Da buon regista pseudo anti-hollywood sembrà già certa la presenza di grandi star internazionali e non tarderanno le consuete provocazioni, marchio di fabbrica di Von Trier ormai. Se ritengo molto banale il personaggio e il suo modo di farsi sentire, trovo molto interessante alcune delle sue ultime produzioni.

Superato il trauma di “Antichrist”, film di rara bruttezza secondo me, gli ultimi due lungometraggi sono stati molto interessanti, in particolare “Melancholia”, che ritengo uno dei migliori film degli ultimi anni. Nel suo oscillare tra malattia mentale e sessualità (molti ritengono i suoi film delle vere e proprie autoanalisi), sono molto curioso di vedere cosa ci dirà il suo cinema (a volte) acuto, molto meno il personaggio rivedibile.

Matteo Palmieri