Milano Tattoo Convention: torna l’appuntamento con la body art

P2040018

Il primo weekend di febbraio si è tenuto l’appuntamento più importante con la body art e la cultura del tatuaggio: la Milano Tattoo Convention, arrivata quest’anno alla 22esima edizione, confermandosi tra gli eventi di settore più longevi e importanti d’Europa. Quest’anno la cornice della manifestazione è il Mi.Co – Milano Congressi (Fiera Milano City), una location più moderna e spaziosa, finalmente adatta ai numeri della manifestazione.

P2040022

P2040052

P2040060

P2040071

P2040074

P2040086

Più di duecento gli studi e gli artisti arrivati da tutto il mondo alla convention, tra gli stand si incontrano esponenti delle più varie tecniche di tatuaggio, declinate nello stile personalissimo di ciascuno: old school, new school, tribale, oriental, biomeccanico, iper-realistico, decorativo, black work – e tanto altro.

P2040097

P2040116

P2040120

P2040171

P2040198

P2040206

P2040216

Non solo aghi ed inchiostro, la Milano Tattoo Convention dà spazio anche a vere e proprie fucine di creatività, come Killer Kiccen, realtà milanese da sempre attiva sui più vari fronti con progetti innovativi: dallo studio e progettazione di oggetti di design, alle installazioni artistiche e di lightdesign, al videomaking.
Nel Salotto Underground allestito alla Convention, Killer Kiccen ha raccontato ventidue anni di culture artistiche di strada della Milano urban, raccontandone i mille volti: musica, graffiti e live painting, moda, cultura custom, scultura, fotografia e video.

P2040223

P2040244

P2040331

P2040345

P2040347

P2040368

P2040414

Il pubblico della Milano Tattoo Convention è sempre piacevolmente eterogeneo, a partire dall’età: giovani e meno giovani si accomodano sotto i ferri dei tatuatori, non è raro vedere intere famiglie curiosare tra gli stand, con bambini che sfoggiano fieri i loro coloratissimi tatuaggi temporanei.

P2040420

P2040423-Pano

di Laura Sarti
foto di Gabriele Ghinelli